Tu sei qui

Urbanistica

Permesso di costruire a seguito di pua e/o convenzionato

Creato il: 09/11/2017

Il permesso di costruire è il titolo abilitativo previsto dalla norma (L.R. 15/13) per la realizzazione di interventi previsti nei PUA (Piani Urbanistici Attuativi).
E' necessario sia per gli interventi di edilizia privata diretta elencati all'art. 17 della LR 15/13 sia per realizzare dotazioni territoriali e infrastrutture.
I permessi di costruire vengono rilasciati a seguito dell'approvazione di un PUA, che è uno strumento di governo del territorio di dettaglio per attuare interventi di nuova urbanizzazione o di riqualificazione di parte del territorio cittadino, previsto dal Piano Operativo Comunale (POC) di riferimento e della sottoscrizione della prescritta convenzione urbanistica, che disciplina tutti gli obblighi che il proponente assume in relazione al piano approvato. 
Quando le previsioni di un POC prevedano un intervento edilizio diretto, non collegato ad un PUA, la normativa stabilisce che il permesso di costruire venga rilasciato esclusivamente previa stipulazione di una convenzione o atto d'obbligo, disciplinante tutti gli impegni che l' attuatore assume nell'ambito dell'attuazione delle previsioni del POC (art. 102 del RUE vigente). 

Documentazione da presentare:
- Moduli di istanza e asseverazione di titolo edilizio come da Modulo 1 e 2 della Modulistica Unica Regionale
Dichiarazione di assolvimento dell'Imposta di bollo in due copie corredate di bolli distinti, uno per la richiesta ed uno per il rilascio del permesso di costruire.



Categorie: Urbanistica

Tempi di rilascio del procedimento: 135 giorni

Costo procedimento e modalità di pagamento:

2 marche da bollo da 16,00 euro (una in fase di acquisizione e una in fase di rilascio) oltre oneri e diritti di segreteria (consulta l'apposita sezione)



Indicazioni su dove rivolgersi:

La pratica va inoltrata utilizzando la piattaforma online Scrivania del Professionista

Per informazioni:
Dott. Davide Fornalè – Piazza Liber Paradisus 10 – Torre A – 40129 Bologna 3° piano – stanza n. 337 - tel. 051 2194149 - e-mail: davide.fornale@comune.bologna.it
Orari di ricevimentosu appuntamento



Responsabile:

U.I. Pianificazione Attuativa - Settore Piani e Progetti Urbanistici - Dipartimento Riqualificazione Urbana 
Responsabile del procedimento Dott. Davide Fornalè – Piazza Liber Paradisus 10 40129 Bologna,  Torre A – 3° piano – stanza n. 337 - tel. 051 2194149, e-mail: davide.fornale@comune.bologna.it

Normativa di riferimento:
LR 15/13
RUE e DTO
 




Permesso di costruire in deroga agli strumenti urbanistici

Creato il: 09/11/2017

Il permesso di costruire può essere richiesto in deroga agli strumenti urbanistici-edilizi per i casi previsti dall’art. 14, comma 1, del DPR 380/2001 dove sia constatato il rilevante interesse pubblico. 
Questo procedimento si inserisce nel contesto degli strumenti di governo del territorio, in particolare nei piani urbanistici attuativi (PUA) convenzionati.

Documentazione da presentare:
- Moduli di istanza e asseverazione di titolo edilizio come da Modulo 1 e 2 della Modulistica Unica Regionale
Dichiarazione di assolvimento dell'Imposta di bollo in due copie corredate di bolli distinti, uno per la richiesta ed uno per il rilascio del permesso di costruire.



Categorie: Urbanistica

Tempi di rilascio del procedimento: 135 giorni

Costo procedimento e modalità di pagamento:

2 marche da bollo da 16,00 euro (una in fase di acquisizione e una in fase di rilascio) oltre oneri e diritti di segreteria (consulta l'apposita sezione)



Indicazioni su dove rivolgersi:

La pratica va inoltrata utilizzando la piattaforma online Scrivania del Professionista

Per informazioni:
Dott. Davide Fornalè – Piazza Liber Paradisus 10 – Torre A – 40129 Bologna 3° piano – stanza n. 337 - tel. 051 2194149 - e-mail: davide.fornale@comune.bologna.it
Orari di ricevimentosu appuntamento



Responsabile:

U.I. Pianificazione Attuativa - Settore Piani e Progetti Urbanistici - Dipartimento Riqualificazione Urbana 
Responsabile del procedimento Dott. Davide Fornalè – Piazza Liber Paradisus 10 40129 Bologna,  Torre A – 3° piano – stanza n. 337 - tel. 051 2194149, e-mail: davide.fornale@comune.bologna.it

Normativa di riferimento:
LR 23/04
LR 15/13 art.20
RUE art.96 comma1
DPR 380/2001 art. 14 comma 1




Procedura abilitativa semplificata per la realizzazione di impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili (PAS)

Creato il: 09/11/2017

Per la realizzazione di impianti di energia da fonti rinnovabili, l'art. 6 del D.Lgs 28/2011 introduce la procedura abilitativa semplificata (PAS) quale nuovo titolo abilitativo che sostituisce a tutti gli effetti la SCIA. 
Le opere devono essere conformi alle norme stabilite dagli strumenti urbanistici-edilizi vigenti: PSC-POC-RUE e devono essere realizzate nel rispetto delle norme antisismiche, di sicurezza, antincendio, igienico sanitarie, e delle disposizioni contenute nel codice dei beni culturali e del paesaggio di cui al D.Lgs 42/2004. 
Questo procedimento si inserisce nel contesto degli strumenti di governo del territorio, in particolare nei piani urbanistici attuativi (PUA) convenzionati.

Documentazione da presentare: 
- Dichiarazione sostitutiva di certificazione e atto di notorietà ai sensi del DPR 445/2000 resa dal proprietario o dall'avente titolo, che attesta:
a) la compatibilità del progetto con gli strumenti urbanistici-edilizi già approvati e vigenti;
b) la non contrarietà agli strumenti urbanistici adottati;
c) il rispetto delle norme di sicurezza e di quelle igienico-sanitarie
dettagliata relazione, corredata dagli opportuni elaborati progettuali che supportano la dichiarazione del proprietario, a firma di un progettista abilitato;
- elaborati tecnici per la connessione redatti dal gestore della rete; 
- atti di assenso eventualmente necessari. Nel caso siano richiesti atti di assenso riguardanti il patrimonio culturale e paesaggistico, l'ambiente, la difesa nazionale, la pubblica sicurezza, l'immigrazione, l'asilo e la cittadinanza, la salute e la pubblica incolumità (comma 4, art. 20 L. 241/9), e tali atti non siano allegati alla dichiarazione, devono essere allegati gli elaborati richiesti dalle norme di settore e si applica il comma 5 del già citato art. 6;
- attestato di pagamento diritti di segreteria;
- procura speciale per istanza digitale.
Tutta la documentazione richiesta deve essere predisposta in formato digitale.

Entro trenta giorni dall'invio dell'istanza, senza comunicazioni da parte del Comune, l'attività di costruzione deve ritenersi assentita (silenzio/assenso), la PAS è efficace ed i lavori possono iniziare.



Categorie: Urbanistica

Tempi di rilascio del procedimento: 30 giorni

Costo procedimento e modalità di pagamento:

Per informazioni su oneri e diritti di segreteria consulta l'apposita sezione del sito



Indicazioni su dove rivolgersi:

La dichiarazione ex DPR 445/2000 e la relativa documentazione deve esssere indirizzata al Settore Piani e Progetti Urbanistici - U.I. Pianificazione Attuativa - e può essere presentata in modalità telematica attraverso pec al seguente indirizzo: urbanistica@pec.comune.bologna.it

Per informazioni:
Dott. Davide Fornalè – Piazza Liber Paradisus 10 – Torre A – 40129 Bologna 3° piano – stanza n. 337 - tel. 051 2194149 - e-mail: davide.fornale@comune.bologna.it
Orari di ricevimentosu appuntamento



Responsabile:

U.I. Pianificazione Attuativa - Settore Piani e Progetti Urbanistici - Dipartimento Riqualificazione Urbana 
Responsabile del procedimento Dott. Davide Fornalè – Piazza Liber Paradisus 10 40129 Bologna,  Torre A – 3° piano – stanza n. 337 - tel. 051 2194149, e-mail: davide.fornale@comune.bologna.it

Normativa di riferimento:
DLgs n. 28/2011




Modifica convenzione Pua

Creato il: 09/11/2017

Il Piano Urbanistico Attuativo (PUA) è uno strumento di governo del territorio di dettaglio per attuare interventi di nuova urbanizzazione o di riqualificazione di parte del territorio cittadino, previsti dal Piano Operativo Comunale (POC) di riferimento: è regolato da una convenzione urbanistica che vincola gli attuatori alla realizzazione delle opere di urbanizzazione previste ed alla cessione delle relative aree, a scomputo parziale o totale degli oneri relativi. E' sottoscritta dai soggetti attuatori e dal Comune, disciplina, fra l'altro, modalità di attuazione, tempistica degli interventi previsti e definisce il termine ultimo di scadenza per la conclusione dei lavori.
La convenzione può essere modificata a fronte di imprevisti in corso d'opera che comportino ritardi nell'ultimazione degli interventi, non imputabili all'inerzia degli attuatori, di modifiche progettuali rese necessarie da prescrizioni provenienti da soggetti preposti, ad esempio, alla salvaguardia ambientale, di integrazioni alle clausole negoziali pattuite originariamente.
In particolare, il Comune può concedere la proroga della validità della convenzione urbanistica in forza delle valutazioni contenute nella deliberazione consiliare OdG n. 102 del 18/3/13 e nei casi in cui non sussistano i requisiti per l'applicazione dell'art. 30, comma 3bis del Decreto "Del fare" (D.L. 69/13 convertito in L. 98/13) che ha introdotto un meccanismo di proroga automatica triennale delle convenzioni urbanistiche stipulate fino al 31/12/2013 (e dei relativi titoli edilizi).

Documentazione da presentare:
Istanza in bollo di proroga debitamente sottoscritta dagli attuatori del PUA con timbro nel caso di persona giuridica;
- autocertificazione ex DPR 445/2000 relativa all'assolvimento dell'imposta di bollo debitamente sottoscritta dai proprietari/aventi titolo in forma digitale, con timbro nel caso di persona giuridica (Copia cartacea dell'istanza e dell'autodichiarazione bollata andranno conservate a cura del richiedente a fini di eventuali controlli);
- contratto di compravendita delle aree/immobili interessate/i dalla realizzazione del Piano che attesti la titolarità dei soggetti richiedenti, nel caso in cui gli istanti siano diversi dai sottoscrittori della convenzione urbanistica originaria (eventuale);
- atto notarile di scissione e/o fusione e/o incorporazione di azienda o rami di azienda, che attesti il passaggio di proprietà, nello stesso caso, se persona giuridica (eventuale);
- attestato di pagamento diritti di segreteria (all'atto della sottoscrizione della convenzione urbanistica).
 



Categorie: Urbanistica

Tempi di rilascio del procedimento: 90 giorni

Costo procedimento e modalità di pagamento:

Marca da bollo da 16,00 euro oltre diritti di segreteria (consulta l'apposita sezione)



Indicazioni su dove rivolgersi:

La richiesta di modifica della convenzione urbanistica è indirizzata al Settore Piani e Progetti Urbanistici e presentata attraverso pec al seguente indirizzo urbanistica@pec.comune.bologna.it 

Per informazioni:
Dott. Davide Fornalè – Piazza Liber Paradisus 10 – Torre A – 40129 Bologna 3° piano – stanza n. 337 - tel. 051 2194149 - e-mail: davide.fornale@comune.bologna.it
Orari di ricevimentosu appuntamento



Responsabile:

U.I. Pianificazione Attuativa - Settore Piani e Progetti Urbanistici - Dipartimento Riqualificazione Urbana 
Responsabile del procedimento Dott. Davide Fornalè – Piazza Liber Paradisus 10 40129 Bologna,  Torre A – 3° piano – stanza n. 337 - tel. 051 2194149, e-mail: davide.fornale@comune.bologna.it

Normativa di riferimento:
L. 1150/1942
LR 20/2000 Allegato A-26 comma 4
Delibera del Consiglio Comunale OdG. n. 102 del 18/3/13




PUA di iniziativa privata

Creato il: 09/11/2017

Il Piano Urbanistico Attuativo (PUA) è uno strumento di governo del territorio di dettaglio per attuare interventi di nuova urbanizzazione o di riqualificazione di parte del territorio cittadino, previsto dal Piano Operativo Comunale (POC) di riferimento. 
E' costituito da elaborati grafici, relazioni e dalla proposta di convenzione urbanistica che disciplina tutti gli obblighi che il proponente si assume all'atto della sua sottoscrizione. Il PUA assume i contenuti di Piano Particolareggiato (PP) o di Piano di Recupero (PdR). Per la descrizione di questo procedimento si fa espresso riferimento al Capo II.2 delle Disposizioni Tecnico-Organizzative (DTO) complemento al Regolamento Urbanistico Edilizio e sua variante normativa vigente, come previsto dall’ art. 81 del medesimo Regolamento.

Documentazione da presentare: 
- Istanza di approvazione in bollo debitamente sottoscritta a) dai proponenti il PUA con timbro nel caso di persona giuridica, b) dai progettisti laureati con timbro dell'albo/ordine professionale di appartenenza;
- autocertificazione ex DPR 445/2000 relativa alla titolarità ad intervenire nel procedimento corredata di fotocopia di documento di identità valido del/dei dichiaranti e procura speciale se soggetto terzo (eventuale);
- autocertificazione ex DPR 445/2000 relativa all'assolvimento dell'imposta di bollo debitamente sottoscritta dai proprietari/aventi titolo in forma digitale, con timbro nel caso di persona giuridica;
- tutti gli elementi ed elaborati costituenti il progetto degli interventi sottoscritti dal proponente avente titolo e dal/i tecnico/i progettista/i laureato/i in formato digitale o in formato cartaceo (1 copia). Il formato cartaceo dovrà essere corredato da un supporto informatico (1 cd), in sola lettura e non modificabile (pdf), firmato digitalmente dagli stessi soggetti;
- attestato di pagamento diritti di segreteria (a lato della sottoscrizione della convenzione urbanistica).



Categorie: Urbanistica

Tempi di rilascio del procedimento: 240 giorni

Costo procedimento e modalità di pagamento:

Marca da bollo dell'istanza di euro 16,00 oltre oneri e diritti di segreteria (consulta l'apposita sezione)



Indicazioni su dove rivolgersi:

La richiesta di approvazione di un PUA di iniziativa privata e la relativa documentazione che lo costituisce è indirizzata al Settore Piani e Progetti Urbanistici e presentata attraverso pec al seguente indirizzo: urbanistica@pec.comune.bologna.it oppure direttamente presso la sede del Settore Piani e Progetti Urbanistica – Piazza Liber Paradisus 10 – Torre A – 3° piano – stanza n. 345 (Ufficio Protocollo) – tel. 051 2193694.

Per informazioni:
Dott. Davide Fornalè – Piazza Liber Paradisus 10 – Torre A – 40129 Bologna 3° piano – stanza n. 337 - tel. 051 2194149 - e-mail: davide.fornale@comune.bologna.it
Orari di ricevimentosu appuntamento



Responsabile:

U.I. Pianificazione Attuativa - Settore Piani e Progetti Urbanistici - Dipartimento Riqualificazione Urbana 
Responsabile del procedimento Dott. Davide Fornalè – Piazza Liber Paradisus 10 40129 Bologna,  Torre A – 3° piano – stanza n. 337 - tel. 051 2194149, e-mail: davide.fornale@comune.bologna.it

Normativa di riferimento:
Disposizioni tecnico organizzative e RUE
LR 20/2000 artt.5 e 35




Recesso anticipato dai vincoli convenzionali relativi alla determinazione del corrispettivo da versare per la cessione dei diritti immobiliari (in proprietà) alloggi convenzionati

Creato il: 09/11/2017

La legge 12 luglio 2011 n. 106, al fine di agevolare il trasferimento dei diritti immobiliari relativamente agli alloggi di edilizia convenzionata ha modificato l’art. 31 della L. 448/98 aggiungendo a detto articolo i commi 49 bis e 49 ter.
In particolare il comma 49 bis prevede la possibilità per gli attuali proprietari di alloggi di rimuovere i vincoli relativi alla determinazione del prezzo massimo di cessione e del canone degli alloggi medesimi e relative pertinenze, dopo che siano decorsi 5 anni dal primo trasferimento, con la stipulazione in forma pubblica di una convenzione e il pagamento al Comune di un corrispettivo.
Per maggiori informazioni sugli adempimenti da espletare si rimanda all'apposita scheda informativa ed allo schema di convenzione tipo approvato con determinazione dirigenziale PG n. 71608/15.

Documentazione da presentare:
- Istanza in bollo debitamente sottoscritta dal richiedente, con timbro nel caso di persona giuridica, corredata di documento di identità valido.
- copia dell’atto di acquisto dell’immobile comprensivo di planimetria catastale dell’alloggio e relative pertinenze 

Nel caso in cui vi sia stata l'erogazione di un finanziamento pubblico regionale per l'acquisto dell'abitazione, il richiedente è tenuto, preliminarmente alla presentazione dell'istanza al Comune di Bologna, a verificare con il competente ufficio regionale (Servizio Qualità Urbana e Politiche Abitative) se l'alienazione anticipata dell'abitazione, in applicazione della delibera della Giunta Regionale n. 411/03, è o non è subordinata al rilascio della prescritta autorizzazione regionale ed al contestuale versamento del corrispettivo dovuto alla Regione medesima. In caso affermativo il richiedente deve presentare istanza alla Regione Emilia-Romagna per quanto di competenza.
Per maggiori informazioni si rimanda direttamente alla Sezione Politiche Abitative della Regione Emilia-Romagna

 

 



Categorie: Urbanistica

Tempi di rilascio del procedimento: 30 giorni

Costo procedimento e modalità di pagamento:

L’istanza prevede il costo esclusivo del bollo a carico del richiedente. 



Indicazioni su dove rivolgersi:

La richiesta di recesso anticipato corredata della documentazione prevista può essere presentata con e-mail o PEC al seguente indirizzo urbanistica@pec.comune.bologna.it oppure direttamente presso l'ufficio afferente all' U.I. Coordinamento Giuridico - Piazza Liber Paradisus 10 – Torre A – 9° piano – stanza n. 912 – tel. 051 2193353 - al quale ci si potrà rivolgere anche per informazioni
Orari di ricevimentosu appuntamento

U.I. Pianificazione Attuativa - Settore Piani e Progetti Urbanistici - Dipartimento Riqualificazione Urbana 
Responsabile del procedimento Dott. Davide Fornalè – Piazza Liber Paradisus 10 40129 Bologna,  Torre A – 3° piano – stanza n. 337 - tel. 051 2194149, e-mail: davide.fornale@comune.bologna.it

Normativa di riferimento:
Deliberazione del Consiglio Comunale OdG n. 88/13 
Deliberazione della Giunta Comunale Prog. n. 263/13
Determinazione Dirigenziale PG n. 71608/15
L. 448/98 art. 31, commi 49bis e 49ter introdotti dalla L. 106/11
DPR 380/01 
L. 14/12
Deliberazione della Giunta Regionale n. 411 del 17/3/03