Tu sei qui

Urbanistica

Procedura abilitativa semplificata per la realizzazione di impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili (PAS)

Creato il: 09/11/2017

Per la realizzazione di impianti di energia da fonti rinnovabili, l'art. 6 del D.Lgs 28/2011 introduce la procedura abilitativa semplificata (PAS) quale nuovo titolo abilitativo che sostituisce a tutti gli effetti la SCIA. 
Le opere devono essere conformi alle norme stabilite dagli strumenti urbanistici-edilizi vigenti: PSC-POC-RUE e devono essere realizzate nel rispetto delle norme antisismiche, di sicurezza, antincendio, igienico sanitarie, e delle disposizioni contenute nel codice dei beni culturali e del paesaggio di cui al D.Lgs 42/2004. 
Questo procedimento si inserisce nel contesto degli strumenti di governo del territorio, in particolare nei piani urbanistici attuativi (PUA) convenzionati.

Documentazione da presentare: 
- Dichiarazione sostitutiva di certificazione e atto di notorietà ai sensi del DPR 445/2000 resa dal proprietario o dall'avente titolo, che attesta:
a) la compatibilità del progetto con gli strumenti urbanistici-edilizi già approvati e vigenti;
b) la non contrarietà agli strumenti urbanistici adottati;
c) il rispetto delle norme di sicurezza e di quelle igienico-sanitarie
dettagliata relazione, corredata dagli opportuni elaborati progettuali che supportano la dichiarazione del proprietario, a firma di un progettista abilitato;
- elaborati tecnici per la connessione redatti dal gestore della rete; 
- atti di assenso eventualmente necessari. Nel caso siano richiesti atti di assenso riguardanti il patrimonio culturale e paesaggistico, l'ambiente, la difesa nazionale, la pubblica sicurezza, l'immigrazione, l'asilo e la cittadinanza, la salute e la pubblica incolumità (comma 4, art. 20 L. 241/9), e tali atti non siano allegati alla dichiarazione, devono essere allegati gli elaborati richiesti dalle norme di settore e si applica il comma 5 del già citato art. 6;
- attestato di pagamento diritti di segreteria;
- procura speciale per istanza digitale.
Tutta la documentazione richiesta deve essere predisposta in formato digitale.

Entro trenta giorni dall'invio dell'istanza, senza comunicazioni da parte del Comune, l'attività di costruzione deve ritenersi assentita (silenzio/assenso), la PAS è efficace ed i lavori possono iniziare.



Categorie: Urbanistica

Tempi di rilascio del procedimento: 30 giorni

Costo procedimento e modalità di pagamento:

Per informazioni su oneri e diritti di segreteria consulta l'apposita sezione del sito



Indicazioni su dove rivolgersi:

La dichiarazione ex DPR 445/2000 e la relativa documentazione deve esssere indirizzata al Settore Ufficio di Piano - U.I. Pianificazione Attuativa - e può essere presentata in modalità telematica attraverso pec al seguente indirizzo: urbanistica@pec.comune.bologna.it

Per informazioni:
Dott. Davide Fornalè – Piazza Liber Paradisus 10 – Torre A – 40129 Bologna 9° piano – stanza n. 906 - tel. 051 2194149 - e-mail: davide.fornale@comune.bologna.it
Orari di ricevimentosu appuntamento



Responsabile:

U.I. Pianificazione Attuativa - Settore Ufficio di Piano - Dipartimento Urbanistica Casa e Ambiente
Responsabile del procedimento Dott. Davide Fornalè – Piazza Liber Paradisus 10 40129 Bologna,  Torre A – 9° piano – stanza n. 906 - tel. 051 2194149, e-mail: davide.fornale@comune.bologna.it

Normativa di riferimento:
DLgs n. 28/2011




PUA di iniziativa privata

Creato il: 09/11/2017

Il Piano Urbanistico Attuativo (PUA) è uno strumento di governo del territorio di dettaglio per attuare interventi di nuova urbanizzazione o di riqualificazione di parte del territorio cittadino, previsto dal Piano Operativo Comunale (POC) di riferimento. 
E' costituito da elaborati grafici, relazioni e dalla proposta di convenzione urbanistica che disciplina tutti gli obblighi che il proponente si assume all'atto della sua sottoscrizione. Il PUA assume i contenuti di Piano Particolareggiato (PP) o di Piano di Recupero (PdR). Per la descrizione di questo procedimento si fa espresso riferimento al Capo II.2 delle Disposizioni Tecnico-Organizzative (DTO) complemento al Regolamento Urbanistico Edilizio e sua variante normativa vigente, come previsto dall’ art. 81 del medesimo Regolamento.

Documentazione da presentare: 
- Istanza di approvazione in bollo debitamente sottoscritta a) dai proponenti il PUA con timbro nel caso di persona giuridica, b) dai progettisti laureati con timbro dell'albo/ordine professionale di appartenenza;
- autocertificazione ex DPR 445/2000 relativa alla titolarità ad intervenire nel procedimento corredata di fotocopia di documento di identità valido del/dei dichiaranti e procura speciale se soggetto terzo (eventuale);
- autocertificazione ex DPR 445/2000 relativa all'assolvimento dell'imposta di bollo debitamente sottoscritta dai proprietari/aventi titolo in forma digitale, con timbro nel caso di persona giuridica;
- tutti gli elementi ed elaborati costituenti il progetto degli interventi sottoscritti dal proponente avente titolo e dal/i tecnico/i progettista/i laureato/i in formato digitale o in formato cartaceo (1 copia). Il formato cartaceo dovrà essere corredato da un supporto informatico (1 cd), in sola lettura e non modificabile (pdf), firmato digitalmente dagli stessi soggetti;
- attestato di pagamento diritti di segreteria (a lato della sottoscrizione della convenzione urbanistica).



Categorie: Urbanistica

Tempi di rilascio del procedimento: 240 giorni

Costo procedimento e modalità di pagamento:

Marca da bollo dell'istanza di euro 16,00 oltre oneri e diritti di segreteria (consulta l'apposita sezione)



Indicazioni su dove rivolgersi:

La richiesta di approvazione di un PUA di iniziativa privata e la relativa documentazione che lo costituisce è indirizzata al Settore Ufficio di Piano e presentata attraverso pec al seguente indirizzo: urbanistica@pec.comune.bologna.it oppure direttamente presso la sede del Settore Ufficio di Piano – Piazza Liber Paradisus 10 – Torre A – 3° piano – stanza n. 345 (Ufficio Protocollo) – tel. 051 2193694.

Per informazioni:
Dott. Davide Fornalè – Piazza Liber Paradisus 10 – Torre A – 40129 Bologna 9° piano – stanza n. 906 - tel. 051 2194149 - e-mail: davide.fornale@comune.bologna.it
Orari di ricevimentosu appuntamento



Responsabile:

U.I. Pianificazione Attuativa - Settore Ufficio di Piano - Dipartimento Urbanistica Casa e Ambiente
Responsabile del procedimento Dott. Davide Fornalè – Piazza Liber Paradisus 10 40129 Bologna,  Torre A – 9° piano – stanza n. 906 - tel. 051 2194149, e-mail: davide.fornale@comune.bologna.it

Normativa di riferimento:
Disposizioni tecnico organizzative e RUE
LR 20/2000 artt.5 e 35




Svincolo parziale fideiussioni a garanzia della realizzazione di opere di urbanizzazione

Creato il: 09/11/2017

La normativa urbanistica-edilizia vigente prevede che, a scomputo parziale o totale della quota dovuta dal privato per il pagamento degli oneri di urbanizzazione da corrispondere al Comune nell' ambito dell'attuazione di un piano particolareggiato (PUA) o di un intervento edilizio diretto convenzionato previsti in un POC, l'interessato possa obbligarsi a realizzare direttamente le opere di urbanizzazione previste. 
A garanzia della ottemperanza a tali obblighi, l'attuatore sottoscrive una convenzione o atto d'obbligo con il Comune di Bologna, e costituisce una fideiussione bancaria (o polizza assicurativa) a favore dell' Ente medesimo, il cui importo viene ridotto proporzionalmente allo stato di avanzamento dei lavori (opere di urbanizzazione) su richiesta. 

Documentazione da presentare:
- Modulo di richiesta



Categorie: Urbanistica

Tempi di rilascio del procedimento: 180 giorni

Costo procedimento e modalità di pagamento:

L’istanza non prevede costi a carico del richiedente



Indicazioni su dove rivolgersi:

La richiesta è indirizzata al Settore Ufficio di Piano ed è presentata attraverso pec al seguente indirizzo: urbanistica@pec.comune.bologna.it

Per informazioni: 
Ufficio di Direzione – Piazza Liber Paradisus 10 – Torre A – 40129 Bologna - 9° piano – stanza n. 909 - tel. 051 2193350
Orari di ricevimentosu appuntamento 



Responsabile:

U.I. Pianificazione Attuativa - Settore Ufficio di Piano - Dipartimento Urbanistica, Casa e Ambiente 
Responsabile del procedimento Dott. Davide Fornalè – Piazza Liber Paradisus 10 40129 Bologna,  Torre A – 9° piano – stanza n. 906 - tel. 051 2194149, e-mail: davide.fornale@comune.bologna.it

 

Normativa di riferimento
Legge 1150/42 (c.d. legge urbanistica) art. 28 (Lottizzazione aree), comma 5
DPR 380/01 art. 16 comma 2
RUE - Art. 102
LR 20/2000 e sue modifiche ed integrazioni, art. A-26 comma 4 e 4/bis
Delibera consiliare OdG 223 del 12 maggio 2014 – PG n. 117730/14: art. 5 (Garanzie) del Regolamento, art 18 (Garanzie) e art. 20 (Riduzione e svincolo delle fideiussioni) della convenzione urbanistica
 




Rimozione vincoli del prezzo di vendita e locazione degli alloggi costruiti nell'ambito di interventi di edilizia convenzionata, con convenzione stipulata ai sensi degli artt. 17 e 18 del DPR 380/2001 (ex artt. 7 e 8 L. 10/1977)

Creato il: 09/11/2017

L'art. 31 commi 49 bis e 49 ter della L. 448/1998, come modificata dalla legge 12 luglio 2011 n. 106 e dell'art. 25 undecies della D.L.23 ottobre 2018 n. 119 coordinato con la legge di conversione 17 dicembre 2018 n. 136, consente di rimuovere i vincoli relativi alla determinazione del prezzo massimo di cessione degli alloggi contenuti nelle convenzioni di cui agli artt. 17 e 18 del D.P.R. 380/2001 ( già artt. 7 e 8 della L. 10/1977). 

Chi può presentare la richiesta :

proprietario ma anche persona fisica che vi abbia interesse anche se non più titolare di diritti reali sui beni immobili.

Effetti :

La rimozione del vincolo del prezzo massimo di cessione comporta la rimozione di qualsiasi  vincolo di natura soggettiva.

Come : 

I vincoli possono essere rimossi a condizione che siano trascorsi almeno 5 anni dalla data del primo trasferimento.

La rimozione dei vincoli avverrà a seguito di stipula di atto ( pubblico o scrittura privata autenticata), soggetto a trascrizione presso la conservatoria dei registri immobiliari.

La stipula dell'atto è obbligatoriamente preceduta dal versamento di un corrispettivo proporzionale alla corrispondente quota millesimale determinato in misura pari a una percentuale del corrispettivo 

 

Rimozione vincoli del prezzo di vendita e locazione degli alloggi costruiti nell'ambito di interventi di edilizia convenzionata, con convenzione stipulata ai sensi degli artt. 17 e 18 del DPR 380/2001 (ex artt. 7 e 8 L. 10/1977)

 



Categorie: Urbanistica

Tempi di rilascio del procedimento: 30 giorni

Costo procedimento e modalità di pagamento:

Il D.L.23 ottobre 2018 n. 119 coordinato con la legge di conversione 17 dicembre 2018 n. 136 ha rivisto la modalità di determinazione di tale corrispettivo, rinviando ai criteri da determinarsi non più dai Comuni bensì con Decreto del Ministero dell'Economia e delle Finanze previa intesa in sede di Conferenza Unificata ai sensi dell'art. 9 del D.Lgs. 28 agosto 1997 n. 281.

Il Decreto stabilirà la percentuale, eventuali riduzioni in relazione alla durata residua del vincolo,e i criteri e le modalità per la concessione da parte del Comune di dilazioni di pagamento del corrispettivo dovuto .

Non sono più quindi applicabili i criteri che il Comune aveva definito con le deliberazioni PG n. 19409/2013 OdG n. 88/13 e PG n. 290304/2013 Prog. n. 263/2013

In attesa dell'emanazione del Decreto non è quindi possibile determinare il corrispettivo da versare per rimuovere il vincolo.

In pendenza della rimozione dei vincoli di cui ai commi 49 bis e 49 ter il contratto di trasferimento dell'immobile non produce effetti limitatamente alla differenza tra il prezzo convenuto e il prezzo vincolato. 



Indicazioni su dove rivolgersi:

La richiesta di recesso anticipato corredata della documentazione prevista può essere presentata con e-mail o PEC al seguente indirizzo urbanistica@pec.comune.bologna.it oppure direttamente presso l'ufficio afferente all' U.I. Coordinamento Giuridico - Piazza Liber Paradisus 10 – Torre A – 3° piano – stanza n. 333 – tel. 051 2193353 - al quale ci si potrà rivolgere anche per informazioni
Orari di ricevimentosu appuntamento

U.I. Pianificazione Attuativa - Settore Ufficio di Piano - Dipartimento Urbanistica, Casa e Ambiente 
Responsabile del procedimento Dott. Davide Fornalè – Piazza Liber Paradisus 10 40129 Bologna,  Torre A – 9° piano – stanza n. 906 - tel. 051 2194149, e-mail: davide.fornale@comune.bologna.it

Normativa di riferimento:

L. 448/98 art. 31, commi 49bis e 49ter come modificati  dall' art. 25 undecief del D.L. 23 ottobre 2018 n. 119 convertito con modificazione dalla legge 17 dicembre 2018 n.136

 




Accesso agli atti depositati presso il Settore Ufficio di Piano

Creato il: 17/10/2017

L'accesso agli atti consiste nel diritto di prendere visione o di ottenere copia di documenti amministrativi (con le eccezioni previste a livello normativo) materialmente esistenti al momento della richiesta e detenuti alla stessa data da una pubblica amministrazione.

Per "documento amministrativo" s'intende (ai sensi dell'art.22 L.241/1990) "… ogni rappresentazione grafica, fotocinematografica, elettromagnetica o di qualunque altra specie di atto, anche interno o non relativo ad uno specifico procedimento, detenuto da una pubblica amministrazione e concernente attività di pubblico interesse...".

In particolare, il servizio qui descritto, consiste nella messa a disposizione esclusivamente di documentazione attinente previsioni urbanistiche.



Categorie: Urbanistica

Tempi di rilascio del procedimento: 30 giorni

Costo procedimento e modalità di pagamento:

Per ottenere copia di documenti amministrativi è necessario il pagamento dell'importo dovuto a titolo di diritti di segreteria, mentre i costi di riproduzione del materiale di interesse sono da pagare presso la copisteria.

 

Documentazione da presentare:

  • Modulo di richiesta compilato in ogni sua parte;
  • copia del documento di identità valido del richiedente (solo se il modulo non è sottoscritto digitalmente);
  • delega/procura e fotocopia del documento di identità valido del delegante, in caso di richiesta presentata da un delegato/procuratore dell'interessato;
  • ricevuta di pagamento dei diritti di segreteria, da effettuarsi mediante versamento in conto corrente postale o bonifico bancario (vai alla pagina "Diritti di segreteria, costi e tariffe)

 

Per quanto riguarda il trattamento dei dati personali, si veda la relativa Informativa per il trattamento dati personali.



Indicazioni su dove rivolgersi:

Per informazioni:

Ufficio di Direzione – Piazza Liber Paradisus 10 – Torre A – 40129 Bologna– tel. 051 219 5820

La richiesta di accesso, indirizzata al Settore Ufficio di Piano e corredata dalla relativa documentazione, può essere inviata:

  • con email o PEC all’indirizzo: urbanistica@pec.comune.bologna.it
  • per posta raccomandata al Settore Ufficio di Piano - Protocollo Urbanistica - Piazza Liber Paradisus n. 10 – Torre A – 9° piano - 40129 Bologna.

Se la richiesta riguarda la sola visione di documenti, questa sarà effettuata presso gli uffici del Settore Ufficio di Piano previa convocazione all'appuntamento, che sarà inviata all’indirizzo email/Pec indicato del richiedente.

La consegna delle copie di atti ed elaborati richiesti potrà avvenire:

  • in via telematica, con spedizione del materiale all’indirizzo e-mail o Pec indicato dal richiedente;
  • presso gli uffici del Settore Ufficio di Piano, su appuntamento;
  • presso la copisteria incaricata, nel caso di copia di documentazione come elaborati e/o documenti a colori (costi di riproduzione a carico del richiedente)


Responsabile:

Dipartimento Urbanistica, Casa e Ambiente
Settore Ufficio di Piano
Responsabile del procedimento è il Direttore del Settore Ufficio di Piano: Arch. Francesco Evangelisti


Normativa di riferimento:

  • Legge 241/90 e successive modificazioni, "Nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto di accesso ai documenti amministrativi";
  • DPR 445/2000, "Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa";
  • Regolamento del diritto di accesso del Comune di Bologna (OdG 274 del 18/09/2017)