Tu sei qui

Rimozione anticipata dei vincoli gravanti sugli immobili in regime di edilizia convenzionata ai sensi del D.P.R. N. 380/2001

Rimozione anticipata dei vincoli gravanti sugli immobili in regime di edilizia convenzionata ai sensi del D.P.R. N. 380/2001

Creato il: 09/11/2017

L'art. 31 commi 49 bis, 49 ter e 49-quater. della L. 448/1998, come modificata dalla legge 12 luglio 2011 n. 106 e dell'art. 25 undecies della D.L.23 ottobre 2018 n. 119 coordinato con la legge di conversione 17 dicembre 2018 n. 136, consente di rimuovere i vincoli relativi alla determinazione del prezzo massimo di cessione degli alloggi contenuti nelle convenzioni di cui agli artt. 17 e 18 del D.P.R. 380/2001 ( già artt. 7 e 8 della L. 10/1977). 
 

Chi può presentare la richiesta :

proprietario ma anche persona fisica che vi abbia interesse anche se non più titolare di diritti reali sui beni immobili.
 

Effetti :

La rimozione del vincolo del prezzo massimo di cessione comporta anche la rimozione di qualsiasi vincolo di natura soggettiva.
 

Come : 

I vincoli possono essere rimossi a condizione che siano trascorsi almeno 5 anni dalla data del primo trasferimento.

La rimozione dei vincoli comporta la restituzione dell’eventuale contributo pubblico ricevuto dalla Regione Emilia Romagna per l’acquisto dell’unità immobiliare come previsto dalla Delibera della Giunta Regionale n. 2313 del 12 Novembre 2019. La restituzione del contributo deve essere effettuata anche dagli eredi dell'immobile acquisito da un soggetto (de cuius)  che ha beneficiato del finanziamento regionale; in tal caso la richiesta di calcolo del corrispettivo implica la richiesta del nullaosta alla rimozione da presentare presso il competente ufficio regionale per la determinazione della somma da restituire alla Regione il cui pagamento consentirà al Comune di  procedere con la rimozione.

La rimozione dei vincoli avverrà a seguito di stipula di atto ( pubblico o scrittura privata), soggetto a trascrizione presso la conservatoria dei registri immobiliari.

La stipula dell'atto è obbligatoriamente preceduta dal versamento del corrispettivo come determinato dalla delibera consiliare P.G .n. 125136/2021 in ottemperanza al D.M. n. 151 del 28/09/2020.

 

Modulistica:

Modulo rimozione vincoli (formato editabile)

Modulo rimozione vincoli (formato pdf)

 

Normativa di riferimento:

Legge n. 448 del 23.12.1998 ’art. 31, comma 48, 49 bis, 49 ter e 49 quater e ss mm ii

 



CATEGORIE:

Urbanistica


TEMPI DI RILASCIO DEL PROCEDIMENTO:

30 giorni



DETERMINAZIONE DEL CORRISPETTIVO E MODALITA' DI PAGAMENTO

 

Il D.L.23 ottobre 2018 n. 119 coordinato con la legge di conversione 17 dicembre 2018 n. 136 ha rivisto la modalità di determinazione di tale corrispettivo, rinviando ai criteri da determinarsi non più dai Comuni bensì con Decreto del Ministero dell'Economia e delle Finanze previa intesa in sede di Conferenza Unificata ai sensi dell'art. 9 del D.Lgs. 28 agosto 1997 n. 281.

Sulla Gazzetta Ufficiale del 10/11/2020 è stato pubblicato il Decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze (DM) n. 151 del 28/09/2020 recante l’individuazione della percentuale del corrispettivo risultante dall’applicazione del citato comma 48 dell’art. 31 della l. n. 448/1998 come novellato dalla l. n. 136/2018.

La modalità di calcolo individuata dal DM n. 151 del 28/09/2020 verrà applicata alle domande presentate a partire dal 10/11/2020.

Il Comune ha dato attuazione al suddetto Decreto Ministeriale con delibera consiliare in data 15/03/2021 Pg. n.125136/2021, esecutiva dal 17/03/2021,  con la quale si prende atto delle modalità del calcolo del corrispettivo e viene approvato lo schema di convenzione da sottoscriversi tra Comune e richiedente per la rimozione dei vincoli. La delibera ha provveduto altresì all'aggiornamento del valore venale delle aree.

Il Comune concede una dilazione di pagamento del corrispettivo, maggiorato degli interessi legali, solo per importi superiori a euro 3.000,00 divisi in un numero massimo di tre rate da corrispondere secondo la seguente tempistica e modalità: 

La seconda e la terza rata devono essere garantite da idonea polizza fideiussoria da consegnare prima della sottoscrizione della convenzione; si procederà a stipulazione della convenzione solo dopo il versamento della prima rata e dopo la presentazione della polizza fideiussoria a garanzia delle successive.

In pendenza della rimozione dei vincoli di cui ai commi 49 bis e 49 ter il contratto di trasferimento dell'immobile non produce effetti limitatamente alla differenza tra il prezzo convenuto e il prezzo vincolato.



INDICAZIONI SU DOVE RIVOLGERSI:

La richiesta di recesso anticipato corredata della documentazione prevista può essere presentata con e-mail o PEC al seguente indirizzo urbanistica@pec.comune.bologna.it

U.I. Pianificazione Attuativa - Ufficio di Piano - Dipartimento Urbanistica, Casa e Ambiente - Piazza Liber Paradisus 10, 40129 Bolgona -  Torre A – 9° piano

Per informazioni:

Angelo Cloroformio - tel. 051/2194140
e-mail: angelo.cloroformio@comune.bologna.it

 

 

 



RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO

 Dott. Davide Fornalè