Tu sei qui

Tipi di intervento


Come si configura l'intervento di sostituzione o nuova posa di rivestimento esterno di un edificio? quale titolo occorre presentare?

Creato il: 13/02/2018
Aggiornato il: 13/02/2018

L'intervento di sostituzione, con o senza cambio di materiali o nuova posa di rivestimenti esterni, se aderenti alla facciata e privi di coibentazione, è riconducibile alla manutenzione ordinaria e non è soggetto alla presentazione di alcun titolo edilizio.

L'intervento di installazione di rivestimento esterno che implica un sistema di supporto, ancorato alla parete o autoportante, non aderente alla facciata (o con eventuale apposizione di coibente) risulta classificabile come:
- Manutenzione straordinaria soggetta a presentazione di CILA se l'intervento rientra negli interventi privi di rilevanza per la pubblica incolumità di cui alla DGR 2272/2016 e l'ispessimento della muratura esterna rispetta quanto indicato al c.4 dell'art. 5 della DGR 967/2015 (adeguatamente documentato)
- Manutenzione straordinaria soggetta a presentazione di SCIA se l'intervento non rientra negli interventi privi di rilevanza per la pubblica incolumità di cui alla DGR 2272/2016 e l'ispessimento della muratura esterna rispetta quanto indicato al c.4 dell'art. 5 della DGR 967/2015 (adeguatamente documentato)
- Nuova Costruzione soggetta alla presentazione di Permesso di Costruire se l'ispessimento non rientra nei requisiti di cui al c.4 dell'art. 5 della DGR 967/2015.

Si ricorda che su immobili vincolati ai sensi dell'art. 136 D.Lgs. 42/2004, ove richiesto, andrà ottenuta la preventiva autorizzazione paesaggistica.


Categorie: Tipi di intervento
Tag: Rivestimento esterno




Nella scheda dE 8.2 punto 3.2 le casette per attrezzi da giardino dovrebbero essere poste in modo isolato nel giardino, mentre le tettoie ed i gazebo possono restare attaccati all'edificio: non possono anche loro stare addossati all'edificio principale?

Creato il: 13/02/2018
Aggiornato il: 13/02/2018

Per essere considerate pertinenze, così come definite dalla scheda dE 8.2 punto 3.2, i box per ricovero attrezzi da giardino, come stabilito dal richiamato requisito, devono essere posti in maniera isolata negli spazi pertinenziali scoperti delle abitazioni  (pertinenze).


Categorie: Tipi di intervento
Tag: Pertinenze Casetta attrezzi




A quale tipologia di intervento edilizio è riconducibile l'accorpamento di una cantina ad un'unità immobiliare esistente?

Creato il: 13/02/2018
Aggiornato il: 13/02/2018

Come stabilito dal DPR 380/01, all'art.3, comma 1, lettera “b”, si tratta di un intervento di manutenzione straordinaria, soggetto quindi a deposito di CILA/SCIA onerosa.


Categorie: Tipi di intervento Manutenzione straordinaria
Tag: accorpamento cantina




Il cambio d'uso da negozio (4d) a pubblico esercizio (5c) richiede la monetizzazione delle dotazioni?

Creato il: 16/06/2017
Aggiornato il: 12/02/2018

Sì, come previsto dall'art. 115 del RUE il cambio d'uso da 4d a 5c richiede la monetizzazione delle dotazioni previste per l’uso di progetto. Non è invece dovuto il contributo di costruzione.

 


Categorie: Tipi di intervento Dotazioni territoriali
Tag: 4d 5c dotazioni territoriali monetizzazione negozio pubblico esercizio




Il cambio di destinazione d'uso con opere superiori alla manutenzione ordinaria è soggetto a SCIA?

Creato il: 15/06/2017
Aggiornato il: 12/02/2018

Sì, il cambio di destinazione d’uso (anche senza aumento di carico urbanistico) con opere che esulino dalla manutenzione ordinaria, è soggetto a deposito di SCIA.

 


Categorie: Tipi di intervento Cambio d'uso
Tag: SCIA manutenzione ordinaria cambio d'uso con opere




Il cambio d'uso verso uso abitativo (1a) è sempre ammesso in Ambiti Storici?

Creato il: 15/06/2017
Aggiornato il: 12/02/2018

No, nelle unità immobiliari di edifici cartografati come prospicienti le “Strade centralità e piazze”, che si sviluppano solamente al piano terra, non è ammesso il nuovo insediarsi dell'uso 1a come previsto all'art. 60 comma 2 lett. C del RUE. Questa limitazione non si applica nei quartieri giardino  per case mono e plurifamiliari.

 


Categorie: Tipi di intervento Cambio d'uso
Tag: strade centralità e piazze ambiti storici




A quale tipologia di intervento edilizio è riconducibile la trasformazione dei locali ad uso “saletta condominiale” in unità immobiliari autonome?

Creato il: 20/06/2017
Aggiornato il: 12/02/2018

Come stabilito dal DPR 380/01, art.3, comma 1, lettera "d", si tratta di un intervento di ristrutturazione edilizia.


Categorie: Tipi di intervento
Tag: saletta condominiale ristrutturazione edilizia




A quale tipologia di intervento edilizio è riconducibile il recupero di sottotetti per fini abitativi?

Creato il: 20/06/2017
Aggiornato il: 12/02/2018

Ai sensi dell’art. 3 della L.R. 11/1998, l’intervento si configura come ristrutturazione edilizia, anche se non comporta creazione di nuove unità immobiliari.

Il recupero di sottotetti è attuabile con deposito  di SCIA ed è soggetto al versamento degli importi relativi al Contributo di costruzione e alla Monetizzazione delle dotazioni territoriali.


Categorie: Tipi di intervento
Tag: sottotetto ristrutturazione edilizia




Il cambio di destinazione d’uso senza opere può essere attuato con presentazione di CIL?

Creato il: 15/06/2017
Aggiornato il: 16/11/2017

Si, ma solamente se non si verifica aumento di carico urbanistico.

 


 


Categorie: Tipi di intervento Cambio d'uso
Tag: carico urbanistico cambio d'uso senza opere