Tu sei qui

FAQ - Sismica

Devo consegnare presso i Vostri uffici la pratica sismica relativa ad un intervento locale in un condominio. Vi scrivo per chiederVi se per tali interventi è necessaria autorizzazione sismica o se è sufficiente il deposito.

Creato il: 23/11/2017
Aggiornato il: 23/11/2017

I casi in cui è necessaria l'autorizzazione sismica sono normati dalla LR 19/2008 all'articolo 11. Si segnala, con riferimento agli edifici strategici e rilevanti, che l'elenco delle categorie di edifici è contenuto nella DGR 1661/2009.



Quali moduli devo consegnare per una pratica "sismica"?

Creato il: 23/11/2017
Aggiornato il: 23/11/2017

La modulistica unificata è stata predisposta dalla Regione Emilia-Romagna tramite la DGR 1878/2011.
Tutta la modulistica unificata regionale in materia sismica è scaricabile nell'apposita sezione del sito.



E' obbligatoria la presentazione della Comunicazione di inizio lavori strutturali?

Creato il: 23/11/2017
Aggiornato il: 23/11/2017

Si rammenta che, ai sensi dell'art. 10, comma 1 della LR 19/2008:  "I lavori previsti dal titolo abilitativo NON possono essere iniziati fino a quando non sia stata rilasciata l'autorizzazione sismica o effettuato il deposito del progetto esecutivo riguardante le strutture nei casi previsti rispettivamente dagli articoli 11 e 13."
La citata normativa vigente in materia sismica pertanto non prevede alcun adempimento specifico in questo senso.
 



Alla presentazione del titolo edilizio, sia esso SCIA o PdC, deve essere sempre allegato il modulo A1/D1?

Creato il: 23/11/2017
Aggiornato il: 24/11/2017

Si evidenzia che, laddove il progettista selezioni la casella relativa alle opere non strutturali (ONS), l'asseverazione può essere firmata dal solo progettista architettonico e non deve essere allegata alcuna ulteriore documentazione relativa agli aspetti strutturali, essendo sufficiente una descrizione sintetica delle opere.
Si rammenta che anche gli "interventi privi di rilevanza per la pubblica incolumità a fini sismici" (cosiddetti IPRPI), sono interventi strutturali e pertanto nei casi elencati dalla DGR 2272/2016 occorre la documentazione obbligatoria prevista al punto 3 dell'allegato 1 alla DGR e pertanto non debbono essere identificati come opere non strutturali (ONS).
 



Per un intervento locale, non soggetto alla L 1086/71, cosa occorre produrre quando i lavori sono stati ultimati ? Solo la comunicazione di fine lavori e la dichiarazione di conformità ? Quindi non la relazione a struttura ultimata?

Creato il: 23/11/2017
Aggiornato il: 23/11/2017

Nei casi di interventi locali non soggetti alla Legge 1086/71 e non soggetti a collaudo, è necessario, come precisato dall'art. 19 della LR 19/2008, depositare la comunicazione di fine lavori e la dichiarazione di rispondenza delle opere alle norme tecniche, con la modulistica unificata predisposta dalla Regione con DGR 1878/2011.



Per presentare il progetto strutturale di un intervento locale in un'unità immobiliare all'interno di un grande condominio, è dovuta la nomina del collaudatore prima dell'inizio dei lavori? Il Decreto del 14/01/2008 lo prevede solo per interventi globali.

Creato il: 23/11/2017
Aggiornato il: 24/11/2017

Gli interventi locali non sono soggetti a collaudo obbligatorio. Con riferimento alle costruzioni in cemento armato e a struttura metallica si segnala che il DPR 380/2001 è stato modificato nell'art. 67 dal D.lgs n. 222 del 25/11/2016 con l'aggiunta del comma 8-bis che riportiamo "Per gli interventi di riparazione e per gli interventi locali sulle costruzioni esistenti, come definiti dalla normativa tecnica, il certificato di collaudo è sostituito dalla dichiarazione di regolare esecuzione resa dal direttore dei lavori".



Quale è la normativa per gli Interventi privi di rilevanza per la pubblica incolumità ai fini sismici (IPRPI)?

Creato il: 23/11/2017
Aggiornato il: 23/11/2017

Si evidenzia che la DGR 121/2010 e la DGR 687/2011 sono superate dalla DGR 2272/2016
La nuova disciplina conferma i 3 livelli di intervento:
- il livello L.0 non richiede alcuna documentazione integrativa;
- il livello L.1 prevede la presentazione di un elaborato grafico e della asseverazione;
- il livello L.2 prevede la presentazione di un elaborato grafico, della relazione e della asseverazione.

Per ulteriori approfondimenti sulla normativa sismica si rimanda all'apposita sezione del sito della Regione Emilia Romagna